Trento è una città viva?

Domenica 11 al CentroTeatro lo "Spazio Aperto" di Udu e Stazione Futuro

Ascolta l'episodio

SanbaRadio
SanbaRadio
Trento è una città viva?
/

Fa parte della serie

«Trento è una città viva?». Domanda più che mai attuale, alla luce delle questioni calde che sono state oggetto di dibattito – a volte anche acceso, specialmente nell'ultimo anno – dalla vita notturna alle aree degradate, dalla carenza di spazi per lo studio alle difficoltà che incontra chi vuole creare occasioni di divertimento e socialità.

Questo interrogativo sarà il filo conduttore di un'iniziativa che l'associazione studentesca Udu Trento e Stazione Futuro, movimento politico apartitico giovanile, promuoveranno per domenica 11 maggio, dalle 10.30 alle 19, presso il CentroTeatro di via degli Olmi. Verrà allestito uno «spazio aperto», un laboratorio cittadino durante il quale ognuno, indipendentemente dall'età o dall'orientamento politico, potrà condividere idee e progetti, con l'obiettivo di trovare una linea comune.

«Siamo consapevoli – scrivono gli organizzatori – che, rispetto ad altre realtà italiane, il nostro territorio gode di una situazione di vantaggio sotto diversi punti di vista, ed è proprio per questo motivo che dobbiamo e possiamo migliorarci.  L'evento prenderà il via con un'assemblea pubblica, con brevi interventi finalizzati a lanciare gli spunti per la discussione che seguirà. 

Previsti anche quattro workshop: «Spazi e infrastrutture», su trasporto pubblico, spazi studio e di aggregazione, parchi; «Musica», per capire se si possono conciliare divertimento per i giovani e riposo per i residenti del centro; «Regole e legislazione» sulle delibere comunali e «Comunicazione», per capire come si pubblicizza bene un evento pubblico. Le iscrizioni si raccoglieranno online nei giorni precedenti l'evento. 
Chiuderà la giornata l'assemblea finale, in cui verrà approvato il documento programmatico, che nelle intenzioni degli organizzatori vuole essere fortemente propositivo ed indicare le scelte da compiere per avere una città più attenta alle esigenze dei giovani e degli studenti. «Per troppo tempo abbiamo solo criticato – concludono Udu Trento e Stazione Futuro – senza dare alternative credibili. Ora è il momento di raccontare cosa vogliamo per la nostra città, è il momento delle idee».

Sanbaradio ha intervistato la segretaria di Stazione Futuro Fiorenza Pesce.

(di Benjamin Dezulian)