Net-Work: cultura, arte e progettualità

Un progetto partecipato per recuperare gli spazi abbandonati di Trento

Net-Work: cultura, arte e progettualità

Acropoli in collaborazione con Alchemica, Trento Film Festival, libreria Due Punti, Unitin, Trento Poetry Slam invitano all’opening ufficiale di Net-Work, un progetto che nasce dall’incontro di realtà attive sul territorio per condividere un’azione collettiva che permetta di riappropriarsi dei luoghi inutilizzati della nostra città, valorizzando lo spazio urbano attraverso il design, la cultura e l’arte.

L’opening darà la possibilità di incontrare i diretti attori di questo progetto sono previsti per il 25 ottobre 2020 alle h16 presso Cortile dei Poeti, sito in via delle Orfane 9.

L’incontro è rivolto a quelle realtà associative, privati cittadini, gruppi informali e in generale portatori di interesse che sono intenzionati in futuro a occupare e occuparsi del Cortile dei Poeti con le proprie iniziative, esposizioni, eventi, concerti, presentazioni, spettacoli o altro. Durante il talk, verrà presentato il progetto in tutte le sue fasi e verranno comunicate le informazioni su come aderire alla rete di partner di Net-Work e/o ottenere il Cortile dei Poeti come location per i propri eventi.

Il cortile dei poeti

Il Cortile dei poeti è stato individuato nel Bando “Trento Cultural Footprint” promosso dal Comune di Trento, Università di Trento, Unicittà e Associazione Libere Idee tra un ventaglio di proposte. Scelto per il suo valore storico, per la vicinanza ai luoghi di interesse cittadini e per incentivare la riqualificazione dell’area. L’obiettivo primario del bando è quello di valorizzare la relazione tra Città e Università costruendo intrecci fra i vari attori attraverso l’occupazione di singoli spazi scelti per farne un uso innovativo e capace di riattivare energie sociali.

L’installazione che viene presentata dalla rete di collaboratori si propone come catalizzatore di incontri e dialoghi inaspettati, un’occasione per fermarsi ed apprezzare nuovamente gli spazi di uno dei cortili più suggestivi del centro storico della città. Riaprendoli al pubblico e organizzando dei piccoli eventi, le realtà proponenti vogliono far riscoprire alla comunità questo luogo, in modo da stimolare e richiamare, occupare ed occuparsi di nuove attività creative, che uniscano progettualità e arte.

Un salotto urbano aperto alle associazioni

Il concept dell’installazione e degli appuntamenti previsti finora a programma è infatti quello del Salotto Urbano, che trasforma lo spazio in un vero e proprio nuovo luogo della cultura: un talk pubblico dove oratori e spettatori possono dialogare assieme instaurando un rapporto diretto che alimenta la curiosità e l’interesse sulla città, lo sviluppo del territorio e la creatività. Il filo conduttore della programmazione da destinare al Cortile è dunque il dialogo.

Un ringraziamento particolare va all’azienda CO.ME.S. s.a.s. per la realizzazione dell’installazione in carpenteria metallica e rete e a REDO Upcycling per la realizzazione dell’installazione sul fronte del cortile.

L’auspicio del gruppo di progettisti è che questo processo renda gli spazi del cortile frequentabili in qualsiasi momento della giornata. Idealmente vorremmo che il “Giardino dei Poeti” diventasse un luogo di sviluppo culturale mirato non solo al nostro singolo evento, ma anche ad eventi di altre realtà, potrebbe diventare inoltre un punto di ritrovo per studenti come un’aula studio all’aperto per le belle stagioni. Per questo restiamo a disposizione sui nostri canali per avere qualsiasi tipo di informazione a riguardo, e vi attendiamo all’evento del 25 ottobre per conoscerci di persona!

Tutte le informazioni sui canali social delle realtà partner.

 

Per ulteriori informazioni:

acropolitrento@gmail.com

Altro su Sanbaradio

Donne: analfabete funzionali della Storia? In uno studio di imminente pubblicazione Tiziana Plebani ci descrive il fondamentale apporto delle donne nel mondo della scrittura.
Un interessantissimo incontro ospitato dalla Locanda del Gatto Gordo spiega le origini, lo svolgimento e la possibile continuazione della terribile guerra in Yemen.
Da Venerdì 6 alle Albere una mostra dedicata alla seta e all'arte contemporanea, e sabato 7 musiche e danze giapponesi in Arsenale.
Tre appuntamenti per il weekend di San Valentino

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio