Referendum Costituzionale in 5 step: pt. 3

Referendum Costituzionale in 5 step: pt. 3

di Marta Pilotto e Lorenza Giordani

 

Il rapporto tra Stato e Regioni

Abbiamo iniziato a vedere i primi aspetti del referendum costituzionale nelle scorse puntate, ed ora è giunto il momento di parlare di che cosa ne sarà dei rapporti tra Stato e Regioni.

Come in tutte le storie d’amore, anche tra Stato e Regioni ci sono alti e bassi, che di volta in volta vengono affrontati e superati in modi diversi.

Spesso è sufficiente sedersi ad un tavolo e parlare, come accade nella Conferenza Stato-Regioni, altre volte è necessario rivolgersi ad un arbitro esterno, ruolo fino ad adesso ricoperto dalla Corte Costituzionale.

Il più delle volte, come in tutte le coppie, il nocciolo della questione è sempre lo stesso: stabilire chi fa cosa, ossia l’affidamento delle competenze.

L’attuale Titolo V della Costituzione, risultato di una riforma che entrò in vigore nel 2001, ha provocato negli anni numerosi conflitti di competenze tra Stato e Regioni.

Fino ad adesso, infatti, c’erano competenze riservate allo Stato, alcune competenze riservate alle Regioni, e molte competenze in cui entrambi potevano avere parola: le competenze concorrenti.

La riforma Renzi-Boschi vorrebbe quindi superare la tripartizione di competenze, eliminando le competenze concorrenti e affidando molte di esse allo Stato.

Lo spirito è chiaramente uno spirito centralizzatore, come dimostrato anche dalla cosiddetta clausola di supremazia: se lo Stato centrale dovesse ravvisare un interesse pubblico generale su una materia di competenza delle Regioni può richiamare a sé la materia in questione, sottraendola in questo modo alle Regioni.

 

Le ragioni del sì: la distinzione netta tra chi è competente per che cosa potrebbe porre fine agli innumerevoli conflitti di competenze Stato-Regioni che hanno caratterizzato gli ultimi 15 anni. Si crede che, affidando molte competenze allo Stato, si riuscirebbe a sottrarre tante iniziative dal malgoverno, dagli scandali e dagli sprechi di cui spesso hanno dato prova gli enti regionali.

Le ragioni del no: la centralizzazione proposta dal governo sembrerebbe fare numerosi passi indietro rispetto alla necessità di dare più autonomia agli enti locali. Inoltre, autorevoli costituzionalisti hanno previsto che a causa della clausola di supremazia i conflitti di competenze continueranno a presentarsi, analogamente alla situazione precedente. Oltretutto, se lo spirito della riforma è quello di creare un Senato che rispecchi le esigenze delle entità territoriali, mancherebbe in realtà il cosiddetto mandato imperativo, che vincolerebbe i senatori a portare avanti le istanze dei territori (mentre nella riforma continuano a rappresentare l’intera nazione).

Altro su Sanbaradio

Cinque punti salienti del referendum in cinque puntate! La riduzione del numero dei senatori e l'elezione indiretta dei memebri del nuovo senato
Cinque punti salienti del referendum in cinque puntate!
Discutiamo in cinque articoli 5 punti salienti del referendum. Superamento del bicameralismo perfetto e approvazione delle leggi a data certa.
Cinque punti salienti del referendum in cinque puntate! Tipi di referendum, leggi elettoriali, CNEL, elezione Presidente della Repubblica

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio