“STRIKE!”: dieci storie di giovani che si raccontano

“STRIKE!”: dieci storie di giovani che si raccontano

Di Matteo Breda

Più di 300 associazioni (tra cui spiccano l’Agenzia Provinciale per la famiglia, la Fondazione Demarchi, Trentino Social Tank e l’Assessorato alle politiche giovanili) sono state le promotrici del concorso “STRIKE!”, volto a raccogliere le storie di giovani (under 35) che con la loro motivazione e la loro ispirazione sono decisi a prendere in mano il loro futuro e cambiare le cose; 39 le candidature raccolte, tra le quali sono stati selezionati i 10 video finalisti: ai loro autori è stata data la possibilità di svolgere un giorno di laboratorio sullo storytelling alla scuola Holden di Torino.

Ma non solo: la sera del 21 ottobre infatti, presso lo Smart Lab di Rovereto, i tre migliori video sono stati premiati con un finanziamento da 1.000 euro ciascuno, da destinare a progetti in grado di coinvolgere i giovani del territorio. Un quarto riconoscimento consistente in un premio da 500 euro, infine, è stato assegnato secondo la scelta del pubblico.

Chi sono quindi i vincitori? Si parla di Martinca Dei Cas, che con i proventi del libro da lei scritto dopo la sua visita in Nicaragua finanzia l’acquisto di libri e materiali didattici per i bambini del villaggio di Waslala; Andrea Morandi, che, dopo aver abbandonato una carriera da geometra, con la sua iniziativa “Ortociclo” vuole ridurre la distanza tra produttori e consumatori servendosi delle consegne in bicicletta; e Gianluigi Rosa, che non si è arreso dopo il grave incidente in cui è stato coinvolto a 17 anni, ed è ora campione italiano alle paralimpiadi nella disciplina dello ice sledge hockey. Vittoria Demare, infine, con la sua associazione CarpeDiem, che gestisce due centri per bambini a Canova e Spini di Gardolo, è stata la vincitrice del premio del pubblico.

Non meno impressionanti le storie di chi non è arrivato sul podio, come Klaus Broz, il violoncellista dietro al festival “Progetto Opera Rovereto”, o Serena Costa, il cui blog “Connettiti alla Psicologia” l’ha oggi resa proprietaria di uno studio tutto suo, o ancora Massimo Dante, i cui caschi per go-kart e Formula hanno clienti da 26 nazioni, Giacomo Gardumi col successo del suo inno “Mi resto in Bondon”, Federica Modica, il cui impegno nella fotografia le ha portato riconoscimenti internazionali, e Ilaria Pernigotti, fondatrice dell’associazione “Una montagna di teatro”, con cui promuove il territorio di Belluno.

Tutte e 39 le storie partecipanti dell’iniziativa comunque, e non solo i 10 finalisti, saranno presentate al Festival della Famiglia di Trento a dicembre.

 

Altro su Sanbaradio

C'è una chicciolina che gira in città. Vieni a vedere perchè.
Ancora una competizione, organizzata dall'associazione ELSA Italia, per permettere agli studenti di diritto di mettere alla prova le prove abilità.
Continua Tutti Nello Stesso Piatto, il festival di Altromercato.

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio