Aperto/Chiuso

La Giornata Mondiale del Rifugiato tra musica, teatro, dialoghi e tanto altro.

Aperto/Chiuso

di Marta Pilotto

Qual è la prima cosa che vi viene in mente se dico Aperto? Il mare è aperto. E' di tutti. E' senza fine.

Eppure anche nel mare ci sono confini, linee di demarcazione immaginarie, nondimeno (de)limitanti. Chiuse. Un nostro e un loro, distanti, diversi. Inconciliabili?

Aperta o chiusa può essere anche la nostra società. La nostra risposta alla crisi dei migranti può essere di apertura, inclusiva, prima di tutto umana. Oppure può essere ostile e diffidente, abbarbicata in una paura del diverso miope ed irrazionale. Sta a noi, che siamo giovani, studenti, cittadini. Sta a noi che siamo società.

In occasione della Giornata mondiale del Rifugiato, il Trentino diventa uno spazio di incontro e dialogo sui temi dell’arrivo e dell’accoglienza di profughi e richiedenti asilo e sul futuro che la comunità immagina. Il titolo scelto è, emblematicamente, Aperto/Chiuso, e le varie realtà locali impegnate quotidianamente nel campo dell'immigrazione e dell'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale - coordinate da Cinformi - proveranno a declinare la tematica in musica, teatro, danza e molto altro.

In particolar modo, lunedì 20 giugno la Piazza del Duomo di Trento si trasformerà in un grande palcoscenico ricco di attività. A partire dalle 18.00 si terrà, infatti, l'evento "Aperto o chiuso?" con il giornalista Raffaele Crocco come mediatore. A seguire "Musica e Parole", in cui il pubblico sarà direttamente coinvolto dalle performance artistiche e dai giochi di squadra, dai dibattiti e dalle mostre di disegni allestite nella piazza e potrà avvicinarsi agli stand informativi per entrare in contatto con le varie associazioni.

Zygmunt Bauman, in "La società sotto assedio", scrive "Lucchetti e catenacci non possono certo domare o indebolire le forze che causano l’emigrazione; possono contribuire a occultare i problemi alla vista e alla mente, ma non a farli scomparire."

La sola chiave che abbiamo a nostra disposizione è, dunque, l'accoglienza. Accoglienza che passa necessariamente per il dialogo e l'incontro. La Giornata Mondiale del Rifugiato è, pertanto, un'opportunità di condivisione e di festa che non ci si può far scappare!

Altro su Sanbaradio

Torna la Notte dei Ricercatori!
Domani a Trento Festival UNI.Sport,l'occasione che aspettavate!
Giornata di formazione per gli interessati al settore delle Risorse Umane.
La storia si ripete, ma il Cafè de la Paix risponde.

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio