Unitn in orbita

Unitn in orbita

Si chiama RIME (Radar for Icy Moon Exploration) e sarà uno degli strumenti più importanti a bordo della navicella che tra circa 7 anni lascerà la Terra con direzione Giove nell’ambito della missione internazionale denominata Juice. Il suo compito? Scandagliare la crosta ghiacciata delle lune Europa, Ganimede e Callisto alla ricerca di acqua e tracce di vita.

Frutto del lungo e complesso lavoro di ideazione condotto nel Laboratorio di Telerilevamento del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'Informazione dell’Università di Trento (DISI) coordinato dal prof. Lorenzo Bruzzone, è capace di misurare dallo spazio quello che avviene al di sotto della superficie delle lune fino a una profondità di circa 9 chilometri e di catturare immagini di fondamentale importanza per studiare la geologia del sottosuolo ed evidenziare l'eventuale presenza di acqua.

Il radar RIME ha ottenuto l’approvazione dell’ESA (l’Agenzia Spaziale Europea) e della NASA e, nei prossimi mesi, si procederà alla realizzazione effettiva in Italia dell’importante strumento sotto la supervisione del team di scienziati e ricercatori di UniTn e FBK. La partenza della missione è programmata per il 2022 con un razzo Ariane 5 dalla base spaziale di Kourou, nella Guyana francese; l'arrivo della sonda europea nel sistema gioviano è previsto nel 2030 e le osservazioni dureranno almeno tre anni.

 

Foto: blog.planetariounionesarda.it 

 

V. Clemente

 

Altro su Sanbaradio

L’inaugurazione al dipartimento di fisica: ricerche dal settore oncologico a quello spaziale
Comunicato alla fine dell'undicesima Giunta dell'Euregio, il Master di II livello ha l'obiettivo di formare una classe dirigente trilingue eroregionale di carattere Europeo.
Torna il 28 settembre, in contemporanea con altre 52 città italiane, la Notte dei Ricercatori.

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio