FORSE ES.SER.CI

FORSE ES.SER.CI
Siamo ragazzi tra i 19 e i 23 anni impegnati nello studio, nel lavoro occasionale e in
tirocini. Alcuni di noi stanno concludendo l'università e altri ne stanno programmando
l'iscrizione. Tutti siamo in attesa di partire con l'esperienza di Servizio Civile avendo
superato il bando di selezione a ottobre 2011, quando abbiamo deciso di fare una scelta,
quella di impegnarci in un anno di Servizio Civile, investendo e programmando su di esso
il nostro tempo, la nostra vita e il nostro futuro.
Lo abbiamo fatto credendo in uno Stato che incentiva i giovani ad attivarsi, che promuove
progetti con determinati programmi e tempi e che in sostanza prende un impegno verso
tutti noi. Concretamente però non vediamo lo sforzo necessario per investire su noi
giovani e nel sostegno di questi progetti, visto che si è venuta a creare una situazione che
determina incertezza verso la reale possibilità di partire. E’ il nostro futuro che viene
pesantemente condizionato e lo Stato, così facendo, passa un messaggio sbagliato e
malato sul rispetto degli impegni.
Ci domandiamo quindi cosa potrà mai garantirci questo Stato e cosa ci possiamo
aspettare per il nostro futuro. Cerchiamo lavoro, ma ovunque ci rispondono che serve
esperienza. Accediamo a progetti come questi del Servizio Civile anche per affacciarci al
mondo del lavoro e per acquisire le esperienze che ci aiutino a crescere. Mettendo in
discussione questa esperienza ci troviamo le porte chiuse anche da parte dello Stato.
Siamo convinti che attualmente in questo momento di crisi generale i soldi comunque non
manchino se si vuole continuare a investire sui giovani, sul lavoro e sul futuro nostro e
dell'intero Paese. Ma serve la ferma volontà di investirli, perché lo Stato può e soprattutto
deve fare questa scelta.
Sulla base dell'impegno che abbiamo scelto di prenderci e nella situazione che è venuta a
crearsi ci troviamo bloccati e impossibilitati a prendere decisioni a breve e a lungo termine,
siamo costretti a posticipare o a vedere messi a rischio altri nostri progetti futuri, costretti
perciò a vivere alla giornata.
Vogliamo iniziare quanto prima questo servizio civile, perché ci sono progetti funzionali a
determinati periodi dell'anno. Che senso avrebbe per esempio cominciare un progetto di
lavoro nelle scuole quando le stesse scuole stanno terminando? Vogliamo iniziare perché
abbiamo fatto questa scelta, la scelta di intraprendere questa esperienza, di rispettare un
impegno non solo verso di noi, ma anche verso le nostre famiglie e l'intera comunità a cui
è dedicato il nostro servizio. Vogliamo iniziare per non dover posticipare oltremodo i nostri
progetti di vita e per rispettare i tempi che ci eravamo prefissati.
Siamo fermi, ma non per scelta. Ci sentiamo vittime, noi vogliamo fare.
Pretendiamo che rispettiate l'impegno che avete preso con noi.
Pretendiamo di avere risposte chiare in tempi rapidi sul nostro futuro.
Pretendiamo di avere certezze riguardo al nostro futuro.
I FUTURI VOLONTARI DEL (FORSE) SERVIZIO CIVILE NAZIONALE
Trento, 14 dicembre 2011
Filippo Bonadiman, Alessia Tasin, Tania Morelli, Magaly Caillaud, Monica Simoncelli, Elisa
Eccel, Gianluigi Giordani, Valentina Cardinale

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio