Vasco Brondi: musica & resistenza

Vasco Brondi: musica & resistenza

di Lorenza Giordani

Cosa significa resistere al giorno d’oggi? Questa e tante altre sono state le domande che ci si è posti al festival delle resistenze contemporanee, tenutosi a Trento dal 23 al 25 settembre scorso.

L’edizione 2016 aveva l’obiettivo di sensibilizzare i giovani alla condivisione, intesa non in termini economici, bensì come stile di vita: si è riflettuto sulla costruzione di reti, sulla compartecipazione al tessuto sociale, sulla cooperazione e sulla memoria comune. In particolare, durante la seconda giornata del festival si è discusso sul tema dell’identità.

Tra gli ospiti più attesi c’è stato sicuramente il ferrarese Vasco Brondi, in arte “Le luci della centrale elettrica”, con cui si è parlato della musica, un linguaggio universale che racconta e mette in condivisione le persone.

Strumento capace di superare le barriere culturali, la musica permette ad ogni artista di mostrarci il mondo attraverso i suoi stimoli e le sue percezioni. Ognuno di noi ha sicuramente provato molte emozioni attraverso la musica, e molte volte si sarà addirittura identificato nei musicisti che più ascolta. Ma per chi di musica scrive e ci vive, come funziona? Quali sono le responsabilità e gli stimoli che portano un artista raccontare il mondo attraverso la musica?

La passione di Vasco Brondi per la musica risale alla sua adolescenza, quando ancora molti tra i suoi amici sognavano di calcare i palcoscenici con una chitarra in mano: un po’ ingenuo e ignaro di quali fossero le regole e la burocrazia del mondo della musica riesce a diffondere un suo demo autoprodotto nel circuito indie-rock di Bologna.

Al contrario, per chi vuole farsi conoscere oggi “le cose stanno diversamente: registrare è molto troppo facile, ma in rete c’è fin troppa roba per riuscire a farsi conoscere”. C’è fin troppa offerta sul mercato, insomma, e distinguersi diviene quasi impossibile.

A chi gli chiede il perché, raggiunto il successo, non cerchi di espandersi con tour sempre più grandi e voluminosi, Vasco risponde che “un percorso non deve essere sempre in espansione. Evolversi non vuol dire espandersi, ma arrivare a togliersi degli strati per arrivare a sentire in profondità.”

Sentire in profondità è un qualcosa di sempre più difficile al giorno d’oggi, in un mondo in cui siamo sempre iper-connessi e l’utilizzo dei social è diventato quasi compulsivo. “Pare quasi che se qualcosa non diviene ‘rumoroso’ sui social, non sia accaduto. Siamo in quella che gli studiosi chiamano ‘economia dell’attenzione’: la visibilità di qualcosa esprime il suo valore.” Analogamente, il mondo social di oggi sembra dirci che chi non vive in contesti caotici e all’ultima moda si stia perdendo chissà quale sapore della vita. “Nella vita però non dobbiamo sempre resistere: per esistere dobbiamo vivere. Quelli alcuni considerano vivere ai margini – pensiamo a chi cresce in provincia, o in piccole città – non sono in realtà margini, bensì la vera realtà”, dove si assapora lo scorrere del tempo e la vita che passa.

A chi ha chiesto ‘come attualizzare la resistenza senza banalizzarla?’ Vasco risponde: leggere. Leggere tanto e leggere bene. La chiacchierata si conclude, appunto, con un consiglio di lettura: “Una questione privata” di Beppe Fenoglio.

Fotografia: Piattaforma delle resistenze - Marco Vitale, Stefano Lisci

Altro su Sanbaradio

Ancora una competizione, organizzata dall'associazione ELSA Italia, per permettere agli studenti di diritto di mettere alla prova le prove abilità.
Alle otto dell'otto Ottobre l'ex CSM di Trento è stato occupato dal collettivo Refresh. A che pro? Ce lo raccontano loro.
Ultimi posti disponibili per i corsi che il circolo Q. Tonini Amici del Legno di Trento mette a disposizione degli studenti in collaborazione con l'Opera Universitaria
Torna Radiofeccia ogni giovedì in diretta dalle 20.00

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio