Due Notti dei Ricercatori, neanche una si chiama così

A Trento e Bolzano si punta tutto sulla creatività nei nomi

Due Notti dei Ricercatori, neanche una si chiama così

di Nicola Pifferi

Vi piace la Notte dei Ricercatori di Trento? A noi è sempre piaciuta molto e l'abbiamo sempre seguita con grande piacere. Quest'anno, però, c'è una novità: il nome a cui siamo tanto affezionati, Notte dei Ricercatori appunto, non c'è più. Ha lasciato spazio a un nuovo brand: La Ricerca va in Città. Il motivo sembra essere semplice: la Commissione Europea, che finanzia l'evento, ha emanato un bando biennale per la realizzazione di questo importante evento di divulgazione. A questo punto ci si chiederebbe: "Beh! E il problema dove sta?". Semplice, o meglio, per niente semplice: se io ho un bando biennale, devo stare attento a quando parto. Se becco l'anno sbagliato, poi, ho finito di vivere.

Ora, questo evento La Ricerca va in Città, sembra essere proprio un gioco per riuscire a riportasi in pari con la Commissione Europea. Insomma, saltando l'anno prossimo, unitn riuscirebbe a riprendere il ritmo e quindi, forse, potrebbe accedere ai fondi UE. In realtà, all'inizio, sembra che l'anno sfasato fosse stato scelto per non interferire con la Libera Università di Bolzano, che assieme alla Provincia e all'EURAC organizza l'evento in Alto Adige.

Anche loro, però, per i nomi di creatività ne hanno: la notte dei ricercatori in salsa sudtirolese si chima Lunga Notte della Ricerca, a occhio sembra essere una semplice traduzione del tedesco Lange Nacht der Forschung, ma potrebbe essere anche una buona dose di bolzaninità: bastian contrari per passione.

Intanto adesso bisogna capire cosa succederà nei prossimi anni: una Notte all'anno? a turno Trento e Bolzano? oppure tutte le Notti sovrapposte? oppure magari una Notte sola in collaborazione tra unibz e unitn? Io la butto lì, poi voi vedete che farci.

Altro su Sanbaradio

Comunicato alla fine dell'undicesima Giunta dell'Euregio, il Master di II livello ha l'obiettivo di formare una classe dirigente trilingue eroregionale di carattere Europeo.
Si è parlato di ricerca e di giovani nella tredicesima giunta del GECT del 19 ottobre 2016, ma anche di viabilità e di migranti.
Dall'anno accademico 2016/17 arriva la Laurea Magistrale in Musicologia in collaborazione tra unitn e unibz, ma l'obiettivo è la collaborazione con Innsbruck. ITA/ENG
Sempre sui treni del Brennero, il professor Euregio si sposta tra gli atenei di Trento, Bolzano e Innsbruck. Un esempio di mobilità nel mondo della didattica e della ricerca.

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio