Janapar: Love on a Bike

Janapar: Love on a Bike

All’età di 23 anni, Tom Allen prese una decisione che avrebbe cambiato la sua vita. Andò a fare un giro in bicicletta.

Capita di sentirsi intrappolati, rinchiusi nella propria realtà. A quel punto vorremmo scappare e perderci in mille altre cose, vorremmo qualcosa di più, che ci occupi tutto il tempo, che ci apra gli occhi.
Allo stesso modo si sentiva Tom Allen, fin quando non capì che il mondo ha molto di più da offrire, molto, molto di più di quello che vediamo quotidianamente con i nostri occhi. E così è nata l’idea di partire per quel giro in bicicletta, un giro che lo ha portato a visitare l’Armenia e l’Iran, a sentire la fame e la stanchezza, a conoscere la gentilezza e l’amore nelle persone semplici e a trovare la persona della sua vita.

Ci troviamo tutti nella stessa situazione a un certo punto, e in quel momento dobbiamo fare delle scelte, perdere delle cose per trovarne di altre. Ma non è questa la cosa migliore che abbiamo? La capacità di decidere e fare della nostra vita quello che vogliamo. L’oblio di una scelta e di un dubbio. Come fare a decidere? Seguendo il cuore. E questa è la cosa più importante che questo film ci insegna.
Non sempre la vita ci aspetta, a volte possiamo sbagliare o rimanere delusi, ma ciò che dobbiamo evitare con tutte le nostre forze è il rimorso di non aver proseguito fino in fondo nel nostro viaggio.

Se è vero, come scrive Ungaretti, che “la meta è partire”, facciamolo questo viaggio. Anche con il rischio di sbagliare, soprattutto con il rischio di sbagliare. Ogni nostra scelta acquisisce valore dal momento in cui le diamo il permesso di cambiarci e di cambiare la nostra vita. Un’altra cosa importante che possiamo imparare da questo film è che ognuno ha la sua strada da intraprendere e se agli incroci incontriamo qualcuno con cui vorremmo fare questo viaggio non è giusto pretendere che creda come noi nel nostro sogno. Possiamo solo fare in modo che le due strade, distinte, corrano il più vicino possibile.

 “What a lovely bike ride!”

Amina e Isotta

Altro su Sanbaradio

Undici ragazzi, un Festival e un blog: ecco la novità che abbiamo in serbo per la sessantaduesima edizione del Trento Film Festival
Giovani climbers si sfidano sui palazzi del centro storico di Trento.
Tutto esaurito per la prima proiezione cinematografica della 62° edizione del Trento Film Festival
"Ci sono persone che non si arrendono facilmente"

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio