Il Parco dei Mestieri

Il Parco dei Mestieri

La montagna è per gli scalatori, gli alpinisti, le guide alpine. È sinonimo di avventura, di bellezza, di pace. Ma c’è un altro tipo di montagna, molte volte dimenticato: quella vista dagli occhi di un bambino, con le grandi mucche al pascolo e i bei fiori colorati lungo distese d’erba profumata.

Al Trento Film Festival viene dato spazio ai bimbi – e ai genitori – nel Giardino dell’Arcivescovado, dove da dieci anni ha sede il Parco dei Mestieri. Laboratori interattivi hanno come obiettivo spiegare ai piccoli curiosi che cosa è la montagna e cosa si può trovare lassù, grandi cartelloni invece insegnano come rispettare e preservare l’ambiente.

I banchetti del WWF e del Muse illustrano quali sono gli animali più comuni e sfatano un po’ di miti riguardo ad essi, partendo dall’orso e dal lupo Slavc. Caprette e uccellini mostrano ai bambini la natura da vicino, e i fiori del giardino li trasportano in una dimensione magica; un banchetto del Museo degli Usi e Costumi di San Michele mostra com’era la natura tanto tempo fa in Trentino.

Il 1° maggio inoltre, Andrea Foches ha intrattenuto piccoli e grandi con la costruzione di piccoli Salvanél, mascotte del Parco: il Salvanél, che significa piccolo salvan, ovvero piccolo abitante bosco, è un folletto rosso portafortuna, con un cappello a punta e gambe e braccia lunghissime.

Un Parco da esplorare, osservare e scoprire, per imparare tante curiosità divertendosi.

Silvia

 

Altro su Sanbaradio

Undici ragazzi, un Festival e un blog: ecco la novità che abbiamo in serbo per la sessantaduesima edizione del Trento Film Festival
Giovani climbers si sfidano sui palazzi del centro storico di Trento.
Tutto esaurito per la prima proiezione cinematografica della 62° edizione del Trento Film Festival
"Ci sono persone che non si arrendono facilmente"

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio