Túmin: «è qualcosa di innovativo e per questo è difficile che venga accettato»

Túmin: «è qualcosa di innovativo e per questo è difficile che venga accettato»

Un piccolo borgo, El Espinal, nello stato di Veracuz. Il documentario è interamente girato qui, in una terra montuosa che sembra quasi dimenticata. E invece no. Gli abitanti vogliono farsi sentire, vogliono gridare al mondo la loro innovazione, vogliono che si approvata e che altri nel mondo la usino, visti i benefici che ha.

La loro invenzione: il Túmin, la moneta comune del piccolo villaggio, ideata per i cittadini di El Espinal che, associandosi, possono liberamente scambiare i loro prodotti e servizi e intercambiarla con la moneta ufficiale, il peso.

Le voci narranti sono quelle degli abitanti nativi, i quali ci proiettano in medias res nel loro villaggio e nel nuovo sistema monetario. Tra i vari aspetti che mi hanno colpita di più vi è sicuramente l’accuratezza nel descrivere i benefici della moneta, portandomi a credere che sia davvero un vantaggio e quindi a identificarmi con la parte di popolazione favorevole. È interessante, seppur triste, il fatto che i negozi che accettano di utilizzare il Túmin debbano esporre un cartello con scritto: Qui si accettano Túmin, come ad indicare una diversità, qualcosa che dovrebbe essere evitata. Mi è piaciuta la scena in cui gruppi consistenti di popolazione si recavano in tendoni appositamente montati per assistere ad un incontro sull’uso della nuova moneta perché indica non solo la disponibilità e l’accoglienza da parte di chi vuole che si affermi ma anche un’apertura al nuovo, a ciò che non si conosce ma che si vuole imparare.

Dall’inizio fino alla fine del documentario la mia attenzione è stata sempre catturata dai colori caldi del villaggio (e dei suoi abitanti) e dai meravigliosi dipinti stampati sui Túmin, realizzati da artisti come Diego Rivera e Rufino Tamayo.

Stefania

Altro su Sanbaradio

Undici ragazzi, un Festival e un blog: ecco la novità che abbiamo in serbo per la sessantaduesima edizione del Trento Film Festival
Giovani climbers si sfidano sui palazzi del centro storico di Trento.
Tutto esaurito per la prima proiezione cinematografica della 62° edizione del Trento Film Festival
"Ci sono persone che non si arrendono facilmente"

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio