Folco Quilici, il mio mondo

Folco Quilici, il mio mondo

“Non c’è mai qualcosa di tranquillo quando si fa cinema.” Questa frase, pronunciata da Quilici stesso, aiuta a capire quanto il famoso regista, documentarista, fotografo e scrittore sia vitale e pronto a raccogliere diversi progetti assieme.

Forse per questo è stato messo nel 2006 da FORBES tra le 100 firme più influenti del mondo.  Ed è forse per questo che il suo nuovo libro, Il mio mondo, incuriosice non poco.

Nel libro, Quirici racconta il suo rapporto intenso con la natura, nelle forme più selvaggie: il mare e la montagna. Il primo come lavoro - le tredici puntate di Mediterraneo in collaborazione con Fernand Braudel sono solo una parte del suo lavoro sopra e sotto il livello del mare, - il secondo come hobby, perlopiù relax, talvolta uno splendido scenario per i suoi documentari.

Colonna della filmografia degli anni ’60, Quilici è stato affiancato da Roberto De Martin e Carlo Ancona nell’ incontro tenutosi ieri alla Sala della Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, che hanno sottolineato la sua bravura non solo sulla pellicola – bella e traditrice, col passare del tempo – ma anche sulla carta. Interessante il dibattito sulla differenza tra i due: “Fare ciò che si vuole è possibile solo con una penna, o ora con un computer.” ha detto Folco Quilici, “Scrivere è un’altra fatica rispetto a filmare. Si può scrivere d’impulso, ma per filmare bisogna ragionarci su.”

A mio parere un libro dall’aura interessante e misteriosa: forse è per questo che il suo vero contenuto, la storia di una vita, è stato appena accennato nel corso dell’incontro tenutosi ieri, concentrato di più sulla grandezza dell’autore e delle persone che l’hanno affiancato dallo scorso secolo ad oggi.

Silvia

Altro su Sanbaradio

Undici ragazzi, un Festival e un blog: ecco la novità che abbiamo in serbo per la sessantaduesima edizione del Trento Film Festival
Giovani climbers si sfidano sui palazzi del centro storico di Trento.
Tutto esaurito per la prima proiezione cinematografica della 62° edizione del Trento Film Festival
"Ci sono persone che non si arrendono facilmente"

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio