L'azione di Peace Brigade International in Colombia

L'azione di Peace Brigade International in Colombia

Venerdì 16 novembre, dopo mille peripezie legate alla tecnologia, sono riuscita a mettermi in contatto con Guido Cenni, volontario delle Brigate di Pace. Durante la nostra chiacchierata ho chiesto a Guido cosa può fare di concreto una persona, per sostenere la sua organizzazione, stando comodamente seduta sulla sua poltrona. Lui mi ha parlato dell’importanza della sensibilizzazione, di far conoscere all’opinione pubblica cosa succede in posti che non si sentono mai nominare dai media. Sanbaradio non poteva che cogliere la sfida! Quello che segue è un breve collage delle informazioni che mi ha dato Guido, di cose trovare in internet, insomma il piccolo sostegno che Sanbaradio ha voluto dare alle Brigate di Pace!


PBI..CHE???

Le Brigate di Pace, o Peace Brigade International (PBI), è un’organizzazione non governativa che agisce per proteggere i diritti umani e per la risoluzione non violenta dei conflitti. Quattro sono i principi su cui si basa il suo lavoro: l’internazionalità, l’orrizontalità nei rapporti, la nonviolenza e l’imparzialità nei conflitti. È una ONG riconosciuta dall’ ONU che agisce nei contesti in cui qualche entità chiede il suo intervento. Ha un ufficio a Washington e uno a Bruxelles, questi svolgono un importante compito di sensibilizzazione presso il Congresso Americano e l’Unione Europea. La sensibilizzazione politica è, assieme alla comunicazione e alla ricostruzione del tessuto sociale, uno degli obiettivi che PBI si pone. All’interno di PBI le decisioni vengono prese per consenso, non è la maggioranza che decide, ma l’intero gruppo. Questo richiede tempo, lunghe sedute di confronto, ma assicura che nessuna decisione venga imposta.

Attualmente i progetti in corso si trovano in: Guatemala, Mexico, Nepal e Colombia. Con l’aiuto di Guido, volontario di PBI, abbiamo approfondito la realtà colombiana, quella che lui conosce meglio perchè è quella in cui opera.


REPÙBLICA DE COLOMBIA



LA STORIA DEL CONFLITTO

In Colombia la guerra civile è iniziata nel 1948, un conflitto nato per una questione di territorio, per la difesa della proprietà privata. Gli estremisti di sinistra sono insorti per rivendicare il loro diritto alla proprietà privata, al possesso della terra che il governo aveva accettato di vendere a numerose multinazionali (MNCs). Le MNCs si servivano di gruppi paramilitari per forzare la popolazione ad abbandonare la terra. Allo stato attuale le parti militari del conflitto si possono dividere in:

-esercito regolare e polizia;

-formazioni estremiste di sinistra, fra cui le FARC;

-formazioni estremiste di destra, con cui spesso collabora anche l’esercito, fra cui ricordiamo Urabenos, Aguilas Negras e Rastrojos.

Tutte e tre queste formazioni compiono pesanti violazioni dei diritti umani della popolazione locale.
 

MEDIAZIONE DI PACE (?)
Nell’ ottobre di quest’anno è cominciato ad Oslo, in Norvegia, il quarto tentativo di mediazione fra il governo colombiano, guidato da Juan Manuel Santos, e le Farc. Guido (PBI) ci fa notare come il fatto che le trattative siano limitate a due soli attori riduca le possibilità di successo. Manca la voce della società civile, la vera vittima del conflitto, e non sono rappresentati gli altri gruppi paramilitari, come ad esempio le forze di destra. Soprattutto, nessun cessate il fuoco è stato dichiarato, perciò mentre la diplomazia agisce in Norvegia, in Colombia la violenza continua.


L'AZIONE DI PBI
Peace Brigade è presente in Colombia dal 1994, oggi la sua presenza è ancora necessaria perchè le violazioni di diritti umani non sono terminate. In Colombia ci sono quattro diversi team di PBI, situati dove le violazioni dei diritti umani sono più gravi, a Barrancabermeja, Bogotá, Urabá ed a Medellín.

I volontari di PBI sono degli osservatori sul campo. Svolgono un importante ruolo di protezione della popolazione civile, accompagnano le persone nei luoghi dove il rischio per i locali è molto alto. Il loro status di “internazionali” funge da schermo protettivo contro la violenza dei militari, di qualsiasi fazione. Accanto a questo, PBI si incontra regolarmente con le istituzioni colombiane, di qualsiasi livello, per portare al governo la voce della società civile, ha contatti con organizzazioni locali ed internazionali e con varie rappresentanze diplomatiche.

Ecco, in sintesi, quale è il ruolo di questa organizzazione all'interno del difficile contesto colombiano.


TOCCA A VOI!

Avete appena finito di leggere il piccolo contributo che Sanbaradio ha dato all’azione di PBI in Colombia... ora tocca a voi! Qui sotto trovate le diverse forme d’impegno che potete intraprendere voi.

Per chi vuole iniziare con l’informarsi in maniera più approfondita, ci sono il sito di PBI Colombia, la pagina Facebook, il contatto Twitter e il canale YouTube.

Per chi é già pronto per un impegno più sostanzioso, questa é la pagina che spiega come si diventa volontario PBI.

Per chi invece, si sente di fare una donazione, qui ci sono tutte le informazioni al riguardo.

[Fonte immagine: http://oneworldgroup.org/jobs-volunteer]

Altro su Sanbaradio

Partire, ma dove? Come? Con chi? A fare cosa? Le risposte negli stand de “in partenza per l'Europa...e per il mondo”, mercoledì 14 novembre, dalle 10 alle 19.
Una mostra fotografica sulle esperienze indiane dell'associazione Greenfarm Movement

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio