Pacco Bomba alla Bocconi

Fonte: corriere.it
MILANO
- Un pacco contenente un ordigno è stato trovato mercoledì mattina, parzialmente esploso, all’università Bocconi a Milano. Il pacco bomba conteneva due chili di dinamite collegati a un timer e si trovava in un'intercapedine tra uno sgabuzzino e un corridoio sotterraneo. Alle 3 della notte tra martedì e mercoledì l’ordigno è esploso, ma solo in parte, a quanto pare per un difetto del congegno elettronico. La rivendicazione è arrivata alle 13 di mercoledì con una telefonata anonima e un volantino al quotidiano «Libero». La firma è della «Federazione Anarchica Informale», che in passato aveva firmato altri pacchi bomba, nell’ambito di azioni dimostrative tese a non colpire le persone. C'era anche la firma «Sorelle della libertà». Il volantino di rivendicazione, stando a quanto si apprende, sarebbe già stato pubblicato su un sito, avvertendo che l'attentato sarebbe solo un inizio di una nuova campagna. L'ordigno, secondo quanto appreso, non sarebbe stato atto a offendere persone. Nell'ateneo milanese mercoledì pomeriggio era in programma l'inaugurazione di «Bag», la nuova «Bocconi Art Gallery», seguita da un concerto.

Radio universitarie

User login

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio