Università per rifugiati e richiedenti asilo: ora si può

Università per rifugiati e richiedenti asilo: ora si può

di Lorenza Giordani

Foto: Roberto Bernardinatti - Università degli studi di Trento

 

11 luglio 2016, una giornata in cui il merito incontra la solidarietà e l’integrazione.

È stato infatti siglato un protocollo d’intesa tra la Provincia autonoma di Trento e l’Università, alla presenza del rettore Paolo Collini, e degli assessori provinciali  all'università e ricerca, politiche giovanili e pari opportunità Sara Ferrari e alle politiche sociali Luca Zeni.

L’intento immediato è quello di permettere di far riprendere gli studi universitari ai richiedenti asilo e ai rifugiati, per consentire a chi è scappato dalla guerra o da gravi violazioni di diritti umani di valorizzare il proprio titolo di studio e la propria esperienza.

«L’Università di Trento – ha commentato il rettore Paolo Collini – è impegnata a premiare il merito anche di chi fugge dalla guerra e da altre situazioni drammatiche. Ci sta a cuore dare il nostro contributo per una loro migliore integrazione e realizzazione personale e professionale a beneficio anche del territorio».

Il Cinformi – Centro informativo per l’immigrazione – ha provveduto a segnalare i candidati tra le persone accolte in Trentino e l’Ateneo ha selezionato i cinque potenziali destinatari, due rifugiati e tre richiedenti asilo. I ragazzi dovranno ora affrontare i test d’ingresso per poter iniziare il proprio percorso a partire dall’anno accademico 2016/2017. Il protocollo sottoscritto prevede che tale possibilità venga rinnovata per i prossimi cinque anni.

Interessanti sono state le parole dell’assessora Sara Ferrari: «In una "società della conoscenza" come quella in cui viviamo – ha osservato– la formazione a tutto tondo di ogni individuo è una caratteristica necessaria al benessere dell'intera collettività e, dunque, una condizione alla quale le nazioni e i governi tendono. Sappiamo che una persona istruita è una persona più consapevole, che costa meno in termini di assistenza e che crea ricchezza. E sappiamo anche che il livello di istruzione delle persone migranti gioca un ruolo cruciale nelle modalità della loro integrazione, ne influenza la probabilità di occupazione e il livello del reddito.».

L’idea del progetto è nata già nel corso del 2015, a seguito dell’acutizzarsi dell’emergenza rifugiati anche sul territorio trentino, ed è partita dalla convinzione che anche l’università fosse chiamata a dare un suo contributo al processo di accoglienza e integrazione, attraverso l’ambito che le è più proprio ovvero quello della valorizzazione dei saperi e della cultura.

Risale, tra l’altro, proprio ai giorni scorsi la creazione di “Studenti universitari per i rifugiati”, percorso di formazione al volontariato sollecitato dall’interesse dei nostri studenti e accolto con entusiasmo dalle associazioni del territorio e da alcuni docenti.
 

Altro su Sanbaradio

Per la prima volta uno studente è stato delegato dal Rettore di unitn.
Il professore racconta la sua esperienza di docente alle prese con la DAD, cercando motivi di speranza assieme alla redazione.
Nella puntata sull'Istruzione ai tempi del Covid la redazione di UNDI da voce a chi spazio ne ha avuto troppo poco: gli studenti.
Torna il progetto Well_come, organizzato da Unitn e volto a far conoscere tutte le associazioni e i progetti di accoglienza dei rifugiati.

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio