A unibz un turismo più equo

A unibz un turismo più equo

di Francesca Melis

Lunedì 20 marzo presso la Libera Università di Bolzano si è svolto il primo degli eventi Towards the Festival, serie di incontri in preparazione alla seconda edizione del Sustainability Festival, festival organizzato dagli studenti che si svolgerà il 4 e 5 maggio.

Il primo incontro si è incentrato sul tema del turismo responsabile, presentato dall’ospite Rudi Dalvai. Dalvai è fondatore del Consorzio Altromercato e Presidente di World Fair Trade Organization (WFTO), organizzazione che ha stabilito 10 principi del commercio equo solidale e un sistema di garanzia a più livelli.

Conosciuta a livello locale attraverso le Botteghe del mondo, Altromercato è la principale organizzazione di fair trade presente in Italia e tra le principali a livello internazionale. Si oppone allo sfruttamento sociale garantendo prodotti a prezzi equi che valorizzino i costi reali e che permettano una retribuzione dignitosa; assicura inoltre un controllo della filiera attraverso sistemi di garanzia e certificazioni.

Così come accade che il commercio diventi equo solidale anche il turismo diventa responsabile. Questo turismo è attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture. Il turismo responsabile è perciò ideato e realizzato in maniera tale da non generare situazioni di diseguaglianza sociale ed economica e senza danneggiare le popolazioni delle regioni visitate. La comunità locale ospitante ha infatti diritto a uno sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile.

Due anni fa Altromercato ha ideato la sua forma di turismo sostenibile: Altromercato Experience. Attraverso questa esperienza che viene offerta dai tour operator associati, i turisti hanno la possibilità di conoscere la vita reale e le tradizioni delle comunità locali e in particolare dei produttori del commercio equo solidale. L’obiettivo di queste escursioni è accorciare la distanza tra produttore e consumatore; si crea infatti un legame forte ed emozionale nel momento in cui il turista conosce le persone che producono i prodotti che consuma abitualmente e, attraverso un workshop assistito, li può anche creare lui stesso.

I produttori beneficiano dell’escursione direttamente, in quanto ricevono un giusto compenso per la giornata trascorsa con loro, ma anche indirettamente perché se il turista torna a casa soddisfatto e più consapevole sarà più propenso a comprare in bottega il prodotto che ha toccato con mano.

In poche parole turismo responsabile significa viaggiare in modo consapevole, senza stravolgere il paese che si visita. Quando i consumatori decidono di comprare un determinato prodotto essi fanno una scelta politica; l’attenzione e tutela garantita nel commercio fair trade deve quindi espandersi anche quando viaggiamo

Altro su Sanbaradio

Combinare gli interessi delle imprese con quelli della società. Può essere possibile? Risponde la dott.ssa Viganò, docente unibz.
Da venerdì popolano l'università e si mescolano con gli studenti: 31 migranti accolti a unibz.
Come sta agendo la Scozia rispetto alle trattative per la Brexit? Risponde la prof. Giupponi da Stirling.
Cos’è il design eco-sociale? Porta un effettivo cambiamento? DoD17 è l’opportunità per incontrare designer esperti e condividere idee.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio