Strike: giovani che cambiano le cose cercasi

Strike: giovani che cambiano le cose cercasi

di Marta Pilotto

Dal 1 luglio al 21 agosto sono aperte le iscrizioni per "STRIKE! Storie di giovani che cambiano le cose", il nuovo bando indetto dalle Politiche Giovanili di Trento che mira a selezionare i racconti di giovani under 35 che abbiano raggiunto un obiettivo o un traguardo nel campo della cultura e dello spettacolo, dell’arte, dell’impresa e del lavoro, dello sport, del volontariato, dell’ambiente, della politica.

Il concorso è aperto ai nati, residenti o domiciliati nella Provincia di Trento o nelle Province confinanti (Bolzano, Verona, Belluno, Vicenza, Sondrio, Brescia).

Partecipare è semplice: avete uno smartphone?

Raccontate la vostra storia in un video della durata massima di 7 minuti e inviatelo entro il 21 agosto.

Tutti i partecipanti potranno contribuire con la loro esperienza a migliorare le politiche giovanili di Trento.

I protagonisti dei racconti selezionati parteciperanno ad un laboratorio sulle tecniche dello storytelling in pubblico e presenteranno le loro storie durante l'evento del 21 ottobre.

Le 10 storie selezionate nella prima fase saranno, inoltre, inserite in una pubblicazione, edita da Green Trend.

Per i tre vincitori finali è, poi, previsto un colloquio con uno degli esperti della giuria a loro scelta, con l’obiettivo di avere un confronto approfondito e ricevere indicazioni utili al proprio futuro professionale.

Con il supporto tecnico-organizzativo della Fondazione Demarchi, sarà, infine, organizzato un evento incentrato sulle tre storie e rivolto ai giovani trentini.

Le Politiche Giovanili accendono, dunque, i riflettori sulle tante storie vincenti che vedono i giovani come protagonisti, creando uno spazio di confronto, contaminazione e ispirazione che possa stimolare i ragazzi ad affrontare le sfide di domani.

Le idee, si sa, sono contagiose!

Altro su Sanbaradio

Scadenza il 30 settembre!
Posta video, immagini, pensieri con hashtag #centromusicatrento e taggaci
Dalle Dolomiti al mondo. Ce ne parlano Mirta Alberti e Claudio Ruatti

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio