Storie di una quotidianità nascosta

lunedì 16 ottobre alle 20.30 andrà in scena “Un viale da mezzanotte all’una: tre donne, tre storie” presso il teatro Pippo.Stage

Storie di una quotidianità nascosta

di Martina Ghedin

Si torna a parlare di donne: delle loro molteplici sfaccettature, del loro modo di vivere e di pensare, del loro disagio e della loro fragilità. Pietro Laino, scrittore e regista, ha deciso di raccontare la vita di tre donne nello spettacolo “Un viale da mezzanotte all’una: tre donne, tre storie” che verrà messo in scena al Pippo.Stage in via Cadorna a Bolzano lunedì 16 ottobre alle ore 20.30. L’attrice Annalisa Morsella darà voce a queste protagoniste, accompagnata da un incalzante sottofondo musicale composto appositamente dalla cantautrice Mara Devigli.

Per raccontare alcuni aspetti della vita non bastano solo le parole e per questo motivo è nata una rassegna teatrale, Teatro Aut, sostenuta dall’Ufficio Cultura di Bolzano e organizzato da Arci Bolzano, che affronta importanti temi di attualità. Precedentemente è stato portato in scena lo spettacolo “Una macchia nel cuore” con l’attore Marco Moriconi, il quale, attraverso la narrazione della vita di sei personaggi, ha affrontato alcuni degli eventi più importanti che hanno segnato l’Italia del ventesimo secolo.

L’evento inizierà alle ore 20.00 con un aperitivo, per poi immergersi nelle storie di Gigliola, Lucia e Kady. Sono racconti di vita quotidiana, caratterizzati da momenti di paura, di dolore, di angoscia e di rabbia, che affiorano nel momento in cui ci si dovrebbe addormentare. E allora affidiamo al tetro il compito di rappresentare quel lato delle persone che spesso viene nascosto a causa della paura dell’inadeguatezza e lasciamo che sai il teatro a ricordarci che possiamo essere vulnerabili.

Altro su Sanbaradio

In un’intervista alternativa, Valentina dimostra quanto oggigiorno sia indispensabile salvaguardare il mondo che ci circonda.
EURAC e unibz si rinnovano: dal 10 maggio arriva il nuovo magazine digitale
Una rivisitazione del tipico gioco da tavola per raccontare sotto una luce diversa la città di Bolzano
Dopo 26 anni di studi, ecco la nuova scoperta attesa dai turisti altoatesini.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio