Riorganizzazione degli spazi dell’ex Ospedale Santa Chiara

Riorganizzazione degli spazi dell’ex Ospedale Santa Chiara

di Lorenzo Toniolo
 

4mila metri quadrati la quale destinazione d'uso è “zona di attrezzature pubbliche e di uso pubblico di interesse urbano” con vocazione a attrezzature culturali e sociali e istruzione di base.

Questo spazio è nell'ala nord del complesso ex Ospedale Santa Chiara che è costituita da cinque piani.

Il Comune intende proporre al finanziamento del fondo strategico territoriale provinciale la riorganizzazione di questi spazi, già occupati dal Dipartimento di Lettere e filosofia dell'Università degli studi di Trento.

Il finanziamento avrà quindi affidato agli interventi specifici, che tengano conto di alcune caratteristiche specifiche: l'esigenza di mantenere e rafforzare la caratterizzazione culturale dell'intero compendio, l'opportunità di favorire reti e sinergie con i soggetti che già operano nella zona, la sostenibilità economica.

Per individuare idee, proposte, esigenze da parte di soggetti, pubblici e privati, interessati alla riqualificazione del compendio e disponibili a partecipare segnalando possibili progetti, idee e interventi finalizzati allo sviluppo locale e al recupero sociale e culturale degli spazi dismessi, l'Amministrazione ha predisposto un avviso pubblico che apre ad un percorso partecipato.

La coerenza con l'orientamento del Comune di promozione della creatività, in particolare dei giovani, e della ricerca di un progetto che superi delimitazioni di genere, di linguaggio, di separazione fra produzione e fruizione e trovi il proprio centro nell'apertura a momenti di confronto con altre esperienze, altre provenienze, altre geografie, dimostrandosi capace di valorizzare, stimolare e far crescere i fermenti culturali spontanei della città.

L'utilizzo deve mirare a far vivere il contesto, centrale nel tessuto urbano, lungo tutto l'arco della giornata e per l'intera settimana.

Le idee relative alle possibili destinazioni e utilizzi degli spazi dovranno pervenire all'indirizzo di posta certificata cultura.comune.tn@cert.legalmail.it, unitamente a copia fotostatica di un documento di riconoscimento del firmatario in corso di validità, entro le ore 12 di venerdì 13 gennaio 2017.

Le proposte pervenute conformi alla destinazione culturale dell'area saranno valutate dall'Amministrazione per la predisposizione del progetto di riqualificazione e del successivo bando di gara per la gestione del compendio.

Maggiori informazioni su: http://bit.ly/2i63JgY

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio