Posticipato il Festival dell'Economia 2020

Il Festival dell'Economia risente dell'attuale pandemia e verrà posticipato a settembre

Posticipato il Festival dell'Economia 2020

di Martina Bartocci

Il Festival dell’economia, organizzato nella città di Trento, è sicuramente tra gli eventi annuali più attesi. L’emergenza del Coronavirus purtroppo incide anche su questa manifestazione, che verrà posticipata e realizzata nei giorni dal 24 al 27 settembre 2020.

Quest’anno il festival giunge alla sua XV edizione ed avrà ad oggetto il tema “Ambiente e crescita”, con un inevitabile riferimento anche agli effetti economici e globali dell’attuale pandemia. Secondo la sua progettazione iniziale, l’evento si propone di mettere in luce il rapporto tra tutela dell’ambiente e crescita economica.

Quello che si intende fare, è riflettere su due grandi convinzioni: l’una secondo la quale la crescita comporta inquinamento ed esaurimento di risorse naturali e l’altra che vede nelle politiche green degli investimenti troppo costosi. Come afferma Tito Boeri, le cose non stanno sempre e necessariamente così: oggi, soprattutto grazie alla tecnologia, ci sono soluzioni che permettono di salvaguardare al contempo sviluppo economico e contenimento delle emissioni. La vera sfida è coordinare l’azione dei diversi paesi e studiare misure di internalizzazione dei costi associati a scelte di sviluppo non sostenibili per il sistema nel suo complesso.

Boeri auspica una sentita partecipazione della città di Trento, al fine di raccogliere spunti interessanti per i problemi futuri. Noi studenti siamo pronti ad accogliere questa sfida?

 

 

img.source: Ufficio Stampa-Provincia autonoma di Trento

Altro su Sanbaradio

​Martedì 8 aprile si terrà il Placement Day, la giornata per favorire l’incontro e la conoscenza tra studenti e mondo del lavoro.
Dal 29 gennaio alle 14.00 on-line il secondo capitolo dell'inchiesta
Matricola, studente o laureando? Ecco la guida definitiva per la ricerca del posto in BUC durante la sessione
“I Vespri del tuo nome” è il romanzo di Miriana Teresa Fazi, studentessa iscritta alla facoltà di giurisprudenza di Trento.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio