La settimana Tingo: novembre 2

Le novità musicali del venerdì, come ve le racconterebbe il vostro amico che si bulla di saperne di musica.

La settimana Tingo: novembre 2

di Leonardo Tosi

Di nuovo venerdì, di nuovo il momento di scoprire quali novità ci riserva l'industria musicale: questa la mission de La settimana TIngo, la rubrica che vi ha fatti emozionare (?) in modi sempre nuovi e misteriosi.

Andiamo spediti, che c'è un po' da emozionarsi.

The Nearer The Fountain, More Pure The Stream Flows
Damon Albarn

La notizia della settimana è indubbiamente il ritorno in scena del frontman dei Blur, con un disco intimo, di intento smaccatamente poetico, suggestionato dal paesaggio islandese, con sentori dell'ultimo Thom Yorke.
Scioccati dalla svolta ambient? Album da ascoltare guardando la pioggia che scende, sorseggiando un whiskey torbato (turbato?).

Things Take TIme, Take Time
Courtney Barnett

Courtney Barnett vi apre la porta del suo salotto, vi fa accomodare sul divano, si mette alla chitarra e vi fa sentire un album essenziale, diretto, dolce e consapevole, portandovi a spasso con la sua voce e la sua chitarra.

CRAWLER
IDLES

Un disco di riflessione e guarigione dalla pandemia globale che ha frustrato la popolazione nel corpo e nello spirito, fin quasi al punto di rottura (e in molti casi oltre).
"Vogliamo che la gente che ha passata attraverso il trauma, il dolore straziante, la perdita senta di non essere sola, e che sia possibile trarre gioia anche da queste esperienze", dice Joe Talbot.
Fatevi cullare.

TASSISTI DELLA NOTTE
MOBRICI

MOBRICI, al secolo Matteo, ex frontman dei Canova, sembra recuperare pian piano ispirazione e tornare ai vecchi lustri. Un singolo che è un inno alla solitudine e un'ode alla figura del tassista (I tassisti della notte / che sono meglio degli analisti / dei terrapiattisti / amico mio resisti).

 

 

Altro su Sanbaradio

Quale è la situazione attuale del mercato e dei musicisti nell'era digitale? Scoprilo con gli ospiti di 3 N Tune!
Nella serata di Giovedì 25, l'orchestra "Giovani in sinfonia" ha riportato in vita celebri pezzi classici, interpretando Beethoven e Mendelssohn.
Alla Bookique ha suonato Giacomo Toni, cantautore eclettico ed ironico. L'abbiamo raggiunto prima che si esibisse.
Potete non conoscere Keith Flint, ma sappiate che se amate la scena musicale dance e pop contemporanea, una parte del merito va anche ai The Prodigy

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio