L’università di Trento al primo posto nella classifica Censis 2020/2021

Il nostro ateneo, come da diversi anni ormai, raggiunge la vetta di una delle classifiche più importanti delle università italiane.

L’università di Trento al primo posto nella classifica Censis 2020/2021

di Martina Bartocci

È stata pubblicata oggi la classifica Censis delle Università italiane 2020/2021. Il rapporto è molto soddisfacente per Unitn che si pone al primo posto tra gli atenei statali medi.

Nostre compagne di vetta sono l’università di Perugia tra gli atenei grandi, l’università di Bologna tra gli atenei mega, l’università di Camerino tra gli atenei piccoli ed il Politecnico di Milano tra i Politecnici.

Guardando ai punteggi specifici, l’ateneo tridentino guida la classifica nell’ambito della comunicazione e dei servizi digitali. Si pone poi al secondo posto per le borse di studio, al terzo per l’internazionalizzazione e al quarto per le strutture e l’occupabilità. Possiamo decisamente migliorare nella sezione servizi, dove ci fermiamo a metà classifica.

Guardando ai singoli ambiti disciplinari ed in particolare alle lauree biennali, possiamo notare che l’università di Trento si pone ai primi posti nel settore scientifico e dell’informatica e tecnologie ict. Riguardo alle lauree triennali, Unitn primeggia ancora nel settore scientifico ed informatico, ma anche in quello economico, linguistico, politico/sociale e psicologico. Nel contesto delle lauree magistrali a ciclo unico infine, l’ateneo trentino spicca per la facoltà di giurisprudenza. Dunque, sembra proprio che frequentare l’università di Trento non sia poi una cattiva idea!

Ora sicuramente i più scettici staranno pensando che una rondine non fa primavera e che una classifica non riesce a cogliere appieno la qualità ed il valore di un ateneo. Questo sicuramente, in parte, è da considerarsi vero, perché il Censis non valuta il capitale umano investito nell’università e non valuta l’attitudine e la dedizione allo studio di ogni singolo studente. Motivo per cui, potrebbe benissimo accadere che un laureato presso un’università all’ultimo posto della classifica sia più preparato di un collega proveniente da un ateneo rinomato. Non possiamo negare però che l’università di Trento occupa da diversi anni i primi posti della graduatoria e che un laureato del nostro ateneo ha sicuramente più agevolazioni dal punto di vista della qualità di vita universitaria, in tutte le sue forme. Avere dei sistemi informatici perfettamente funzionanti, una segreteria studenti sempre a disposizione ed una percentuale di occupazione maggiore non è così scontato in altre parti d’Italia. Un’organizzazione efficiente è sempre frutto di un grande lavoro e va riconosciuto e implementato sempre più.

L’augurio è quindi quello di essere orgogliosi del risultato ottenuto e di utilizzarlo come punto di partenza per migliorare laddove ci sono carenze!

 

img.source: Cooperative Italia

Altro su Sanbaradio

Matricola, studente o laureando? Ecco la guida definitiva per la ricerca del posto in BUC durante la sessione
Il 25 e il 26 giugno tornano le Feste Vigiliane in una versione totalmente rivisitata, per fronteggiare il distanziamento sociale imposto dal Coronavirus.
Trentino History è la nuova pagina Instagram fondata da Federico Duca, per riscoprire la storia del Trentino.
Spazio Piera presenta il laboratorio “Scrivere con gli occhi”, un percorso teorico e pratico sul linguaggio visivo.

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio