Il futuro dell'Europa dipende dall'Ucraina?

Mercoledì 28 maggio una conferenza a Sociologia per scoprirlo!

Il futuro dell'Europa dipende dall'Ucraina?

Mercoledì 28 maggio 2014, dalle ore 15:00 presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (via Verdi 26, Trento - Aula 5, piano terra) si terrà una conferenza (organizzata da Osservatorio Balcani e Caucaso, Forum Trentino per la Pace e Centro Europeo Jean Monnet) per comprendere  e comprendere il conflitto che ha investito l'Ucraina e per ragionare su questa grave crisi in corso nel cuore d'Europa. 

Un conflitto drammatico, una grave crisi nel cuore dell'Europa. In Ucraina in pochi mesi dalle manifestazioni di piazza si è arrivati allo scontro armato. Quali sono i fattori sociali, politici ed economici interni ed esterni al paese che hanno portato alla situazione odierna? Quali i possibili scenari futuri? Se ne discuterà insieme a diplomatici, studiosi e giornalisti. Per offrire un'occasione di analisi della drammatica crisi in corso.

Il seminario, ospitato dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell'Università di Trento (Via Verdi 26), aprirà alle ore 15.00 con i saluti dell'Assessora all'Università e ricerca della Provincia autonoma di Trento, Sara Ferrari, del Presidente del Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani, Massimiliano Pilati e del direttore del Centro Europeo di Eccellenza Jean Monnet - Università di Trento Marco Brunazzo.

Interverranno poi Paolo Bergamaschi, funzionario di lungo corso del Parlamento europeo; Lamberto Zannier, Segretario Generale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa; Danilo Elia, giornalista, corrispondente di Osservatorio Balcani e Caucaso appena rientrato dall'Ucraina.

In collegamento da Kiev parlerà invece la trentina Maura Morandi, oggi Policy advisor presso l'Ambasciata di Danimarca in Ucraina. Tra gli accademici interverranno Paolo Calzini (Jonhs Hopkins University Bologna Center), Piotr Dutkiewicz (Institute of European and Russian Studies Carleton University), Aldo Ferrari (Università Ca' Foscari di Venezia) e Giorgio Comai (Dublin City University e collaboratore di Osservatorio Balcani e Caucaso.

“Nel ventennio seguito alla fine della Guerra Fredda nello spazio europeo dell'ex-URSS vi sono stati conflitti sanguinosi, come ad esempio la guerra tra Armenia e Azerbajan sul Nagorno Karabakh, e quanto sta avvenendo in Ucraina è da ascrivere a questo contesto - sottolinea Luisa Chiodi, direttrice scientifica di OBC e moderatrice dell'incontro - una delle questioni di fondo di cui discuteremo è se l'Ucraina - schiacciata tra giganti - sarà l'unica a fare le spese del conflitto geopolitico in corso – nel caso Unione Europea e Russia riuscissero a superare le divergenze attuali - oppure se ci stiamo giocando il futuro dell'Europa stessa.”

Per informazioni:

Osservatorio Balcani e Caucaso

e-mail: eventi@balcanicaucaso.org

tel: +39 0464 424230

Altro su Sanbaradio

Strategia di Bologna? Mercato della conoscenza superiore? Università di qualità? Ne discutono cittadini ed esperti venerdì 8 marzo.
La rettrice: "Formeremo una nuova classe dirigente sovra locale"
Dal 29 gennaio alle 14.00 on-line il secondo capitolo dell'inchiesta
On-line il secondo capitolo dell'inchiesta di Sanbaradio e I Know a Place

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio