Candidati a vivere la CappUniversitaria: un’esperienza di convivenza tra studenti e richiedenti asilo

I Padri Cappuccini e il Centro Astalli ospiteranno 14 richiedenti asilo a Spini di Gardolo. A vivere e a dialogare con loro ci saranno gli studenti.

Candidati a vivere la CappUniversitaria: un’esperienza di convivenza tra studenti e richiedenti asilo

di Martina Bartocci

“I conventi vuoti non sono nostri, ma sono per la carne di Cristo che sono i rifugiati”. Queste le parole pronunciate da Papa Francesco in occasione della visita al Centro Astalli a Roma nel 2013. E’ proprio sulla scia di questo messaggio, che nasce il progetto della CappUniversitaria che vede la collaborazione di UDU Trento, UNITiN e Associazione Centro Astalli Trento Onlus.

Di cosa si tratta? Si tratta dell’accoglienza di 14 richiedenti asilo, inseriti all’interno di un progetto di seconda accoglienza, il cui focus è la creazione di un percorso individuale che ha come finalità il raggiungimento di una propria autonomia personale. Gli studenti sono chiamati a vivere la quotidianità con i richiedenti asilo, predisponendosi a momenti di ascolto e di confronto. In particolare, coloro che aderiranno a questo progetto:

- Si impegneranno a garantire dei momenti di convivialità con gli ospiti

- Frequenteranno un corso di formazione per i volontari del Centro Astalli

- Accoglieranno gruppi esterni (scout, catechesi etc.) per raccontare la propria esperienza all’interno della comunità

- Potranno partecipare a dei momenti di spiritualità

- Dialogheranno con gli operatori del Centro Astalli

- Avranno cura della struttura, inserendosi nei turni di pulizia degli spazi comuni

- Indicativamente avranno 2 impegni a settimana (uno con i richiedenti asilo ed uno extra)

Dove verranno ospitati studenti e richiedenti asilo? La CappUniversitaria è ospitata presso la struttura di Spini di Gardolo, cogestita dai Padri Cappuccini e dal Centro Astalli Trento Onlus. Ogni studente avrà una stanza singola con bagno interno ed una cucina in comune con gli altri ragazzi. Il periodo di permanenza richiesto è di 6-12 mesi, con un rimborso spese di 200 euro per stanza. Gli spazi comuni della struttura saranno condivisi con i richiedenti asilo e contribuiranno ad instaurare un percorso di crescita personale e di arricchimento reciproco.

Il progetto è rivolto soltanto a studenti credenti? No, la comunità è laica e coinvolge tutti, seguendo il pensiero del Cardinal Martini: “Io non domando se siete credenti o non credenti, ma se siete pensanti o non pensanti. L’importante è che impariate a inquietarvi”. Una mente pensante è infatti necessaria per approcciarsi a situazioni delicate e per creare una convivenza positiva.

Come aderire? Semplice, basta richiedere ed inviare la propria domanda di adesione all’indirizzo andrea.bortolotti@centroastallitrento.it entro il 31 agosto 2020. La partenza del progetto è prevista a settembre/ottobre.

Per maggiori informazioni:

http://www.centroastallitrento.it/accogliere/accoglienza/344-candidature...

 

img.source: Centro Astalli Trento Onlus

Altro su Sanbaradio

Una guida pratica per ottenere i benefici del diritto allo studio. Cosa sono Isee, Icef ed Isee corrente.
Il 25 e il 26 giugno tornano le Feste Vigiliane in una versione totalmente rivisitata, per fronteggiare il distanziamento sociale imposto dal Coronavirus.
Trentino History è la nuova pagina Instagram fondata da Federico Duca, per riscoprire la storia del Trentino.
L’università di Trento si pone al primo posto nella classifica Censis tra gli atenei statali medi ed in particolare, spicca nel settore della comunicazione e dei servizi digitali.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio