Africa e Occidente: l’esperienza del premio Nobel, Wole Soyinka

L’esponete più importante della letteratura sub-sahariana terrà una conferenza il 21 agosto all’Unibz

Africa e Occidente: l’esperienza del premio Nobel, Wole Soyinka

di Martina Ghedin

Grandi economisti, letterati, fisici, matematici, chimici e attivisti vengono intrappolati all’interno della storia grazie al riconoscimento più importante della loro vita; essere i vincitori del premio Nobel. Nel 1986, il nome di Wole Soyinka entra a fare parte della lista dei letterati più influenti del ventesimo secolo. Scrittore, drammaturgo, poeta e saggista di origine nigeriane, è considerato il più importante esponente della letteratura sub-sahariana. La sua passione per il teatro e il forte legame con la cultura africana si notano nelle sue opere teatrali, alcune delle quali sono state messe in scena da compagnie teatrali inglesi.

Queste poche righe sono solo un piccolo accenno alla vita di Wole. Per questo motivo, invito tutti ad andare ad ascoltare la sua conferenza, che si terrà il 21 agosto, dalle 18 alle 20, presso la Libera Università di Bolzano. Affiancato dal giornalista Raffaello Zordan, discuteranno della situazione politica attuale tra Africa e Occidente e della visione personale di Wole. Il titolo centrale della conferenza è “L’uomo è morto”, che rimanda al titolo del libro che scrisse subito dopo la sua prigionia durata 22 mesi durante la la guerra civile nigeriana, alla fine degli anni sessanta.

Come molti scrittori, la sua vita è stata un alternarsi di successi e sofferenze, e tutto ciò che ha imparato da queste esperienze viene riportato nelle sue opere che li sono valse il premio Nobel. Noi, forse, non possiamo capire totalmente la profonda sofferenza che si cela dietro alcune delle sue opere, ma almeno possiamo provarci.

Altro su Sanbaradio

In un’intervista alternativa, Valentina dimostra quanto oggigiorno sia indispensabile salvaguardare il mondo che ci circonda.
EURAC e unibz si rinnovano: dal 10 maggio arriva il nuovo magazine digitale
Una rivisitazione del tipico gioco da tavola per raccontare sotto una luce diversa la città di Bolzano
Dopo 26 anni di studi, ecco la nuova scoperta attesa dai turisti altoatesini.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio