spazio

Tutta mia la città. L'intervista.

Federico Zappini ai microfoni di Sanbaradio

Tutta mia la città. L'intervista.
Davide intervista Federico Zappini, organizzatore del Festival che per una settimana anima via Suffragio

 

Da dove arriva il nome del Festival?

Il nome del festival è evidentemente uno scherzo...il ricordare una canzone, un ritornello che rimane comunque in testa e utilizzarlo per veicolare un messaggio.

E quale è il messaggio profondo di “Tutta mia la città”?

Sketchring, artisti al lavoro

Un disegno a tante mani per via del Suffragio a 360 gradi

Sketchring, artisti al lavoro
Un cerchio di artisti per disegnare via del Suffragio

Un cerchio di sedie vuote con sopra un foglio bianco.

Tutta mia la città.

Via del Suffragio cambia prospettiva

Tutta mia la città.
Un festival che è un invito a socializzare, a condividere, stare insieme, abitando una strada e rivedendola da nuove prospettive.

 

Condivisione, scambio, socialità, dialogo, comunità. Queste sono solo alcune delle parole chiave che hanno costruito il progetto di “Tutta mia la città”, il festival che da lunedì 15 fino a sabato 20 settembre, reinterpreta l'idea di spazio pubblico e lo fa nella centralissima Via del Suffragio.

Sanbanews del giovedì - 5 novembre

In questa edizione:

Lotta per i posti in classe. A Giurisprudenza interviene la polizia.
Quale contributo ha dato la scienza politica alla modernizzazione dell’Italia e alla riforma della sua democrazia? Se ne sta parlando a Sociologia con in massimi esperti di Scienze politiche.
Teatro: incontro con Daniele Filosi, direttore artistico di Spazio Off

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio