Schengen

Crisi Schengen comporta costi notevolissimi. Perché il Governo austriaco la sta portando avanti?

Prova a spiegarlo l'on. Michele Nicoletti

Sembra incredibile ma è così: all'Europa, agli Stati membri, non conviene chiudere le frontiere, né men che meno bloccare i flussi di profughi. Ma perché l'Austria ci tiene tanto?
Crisi Schengen comporta costi notevolissimi. Perché il Governo austriaco la sta portando avanti?

di Nicola Pifferi

L'onorevole Michele Nicoletti, oltre a essere docente di filosofia presso l'Università degli Studi di Trento, è deputato al Parlamento Italiano e presidente della delegazione italiana all'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, Assemblea di cui è anche vice-presidente.

Puoi embeddare il player utilizzando il codice qui sotto: 

L’accordo tra Europa e Turchia: spunti critici e punti aperti

Da oggi in vigore la risposta europea alla crisi umanitaria

L’accordo tra Europa e Turchia: spunti critici e punti aperti
Tra punti aperti e domande irrisolte, entra oggi in vigore l'accordo tra UE e Turchia in risposta alla crisi umanitaria in Europa.

Dopo mesi di discussioni e tentativi falliti di giungere a un compromesso, l’Europa sembra aver trovato una volontà comune: entra in vigore oggi l’accordo tra Unione Europea e Turchia sulla gestione della crisi umanitaria in Europa.

Cara Generazione Erasmus, salviamo Schengen!

Cara Generazione Erasmus, salviamo Schengen!
Per anni abbiamo creduto che la libera circolazione su tutto il territorio dell'UE non potesse essere toccata, ma questa nostra convinzione sta per essere smantellata!

Alcuni studiosi dicono che non puoi esimerti dal reagire quando ti toccano le cose più care. Pare che se qualcuno dovesse attaccare qualcosa che ti riguarda nel profondo tu non potresti non reagire. Eppure qualcosa mi lascia perplesso, ci stanno toccando qualcosa che dovrebbe esserci carissimo e stiamo facendo finta che tutto vada bene.

Radio universitarie

Login utente

Con il supporto di

Powered by

coopmercurio