In Trentino sempre meno diplomati si iscrivono all’università

In Trentino sempre meno diplomati si iscrivono all’università

di Sebastiano Chistè

Meno studenti si iscrivono all'università dopo il diploma e tra coloro che proseguono gli studi sono più numerose le donne, che rappresentano la maggioranza degli iscritti in tutte le tipologie di corso e che sono generalmente più brillanti rispetto agli uomini. Il tasso di laureati della popolazione 25enne è pari al 22,1% mentre per quanto riguarda la scolarizzazione dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni, si è passati da 83% a 86,8%.

Cresce il numero di famiglie e ragazzi che non considerano utile o vantaggioso dopo il diploma proseguire gli studi. Certo non possiamo negare che il mercato del lavoro sia cambiato rispetto a qualche anno fa, ed è vero che i giovani, anche i giovani laureati, fanno più fatica a trovarle un impiego stabile e ben retribuito” spiega l'Assessore all'Università e Ricerca, Sara Ferrari.

Questo si denota soprattutto dal brusco calo di immatricolazioni nel periodo della crisi economica. La laurea, infatti, viene vista come una spesa che rende dopo alcuni anni dal conseguimento del titolo e quindi valida solo per chi può permettersi di investire nell’istruzione, sapendo che i frutti arriveranno in un futuro anche abbastanza lontano.

Altro su Sanbaradio

La situazione di oggi ha reso i giovani pessimisti riguardo al futuro ma più concreti e disposti ad attivarsi per opportunità di crescita personale.
Un’orchestra formata da 40 studenti Erasmus iscritti a conservatori italiani aprirà le celebrazioni dei 30 anni di Erasmus+ e dei 60 anni dai Trattati di Roma.
Ecco le principali modifiche che si intendono apportare al sistema scolastico locale.
Dal 1° maggio tutti "on the road" con BICIBUS TRENTO - SARCHE: il nuovo servizio per collegare Trento ai più bei paesaggi della Valle dei Laghi, Dolomiti del Brenta e non solo.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio