Studiare e lavorare in gruppo all’università è sempre più un’attività online

Studiare e lavorare in gruppo all’università è sempre più un’attività online

di Sebastiano Chistè

Nel biennio 2015/16 gli utilizzatori sono passati da 35 a 58 milioni, secondo un lavoro di ricerca  compiuto da George Veletsianos che ha coinvolto 41 diversi fornitori di tali corsi a livello internazionale.

I MOOC detti anche Massive Open Online Courses, sono pensati per la formazione a distanza di un gran numero di utenti, quindi le loro caratteristiche principali sono la semplicità di accesso tramite la rete e la possibilità di creare comunità virtuali di studenti. Ad oggi, più di un terzo dei corsi riguarda materie di business o tecnologia. Con una crescita del 3% rispetto al 2015, economia e management sono le tematiche che costituiscono il 19,3% di tutti i corsi.

Implementando di tecnologie correlate all’apprendimento online quali social media e sistemi di gestione dell’apprendimento, gli amministratori, gli insegnanti o anche dei ricercatori posso accedere ai dati salvati e ai percorsi utilizzati dagli studenti per ricostruire e valutare l’intero processo di apprendimento. La socialità viene quindi intesa come produzione ed elaborazione di contenuti propri e interazione diretta tra gli utenti. Lo scopo finale diventa quindi il superamento dell’isolamento del singolo e la valorizzazione dei suoi rapporti con il gruppo. Gli studenti acquisiscono conoscenze, abilità o atteggiamenti personali come risultato di un’interazione di gruppo.

“Credo che i MOOC - commenta Emanuele Pucci, Amministratore Delegato di Teleskill - siano uno strumento straordinario per offrire a un vasto pubblico la grande opportunità, per tutti, di poter accedere a una formazione di tipo universitario, senza costi e anche se lontani da grandi poli accademici. [...] tutti dobbiamo formarci in continuazione e aggiornare le nostre competenze in un mondo di scenari che cambiano. In tal senso, anche le aziende, le Business School, le Piccole Medie Imprese dovrebbero contemplare la formazione e aggiornamento tra gli strumenti indispensabili per il raggiungimento degli obiettivi”.

Grazie a tutta questa serie di caratteristiche era opinione diffusa che questi sistemi si sarebbero diffusi in tempi molto brevi, ma questo non è ancora accaduto. La causa sta principalmente nella scarsa flessibilità nella personalizzazione. Il corso può anche essere interessante ma senza flessibilità e interattività, è destinato a fallire. Caratteristica che nella maggior parte dei MOOC è ancora parziale o assente. Questa attenzione verso l’interazione faccia a faccia, o al feedback non è un capriccio degli studenti: il poter esprimere preoccupazioni e il ricevere supporto sono una vera e propria necessità. Ad esempio, un feedback positivo o un incoraggiamento da parte dell’insegnante sono azioni che aiutano lo studente a lavorare di più e che non sarebbero possibili in sistemi poco interattivi.

Altro su Sanbaradio

Più di 56.000 neo diplomati ne sono affetti. Test più facile, ma solo 1 candidato su 7 ce la farà!!!
Parità di genere al Parlamento Europeo e sicurezza dei confini al Consiglio: gli argomenti del Meut 2016.
Professionisti, ricercatori ed operatori dei servizi meteorologici si sono riuniti per affrontare il tema della meteorologia assieme ai cittadini più curiosi.
La situazione di oggi ha reso i giovani pessimisti riguardo al futuro ma più concreti e disposti ad attivarsi per opportunità di crescita personale.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio