Estasi nel passato con Beethoven e Mendelssohn

Un magnifico arrangiamento dell'orchestra Giovani in Sinfonia fa risorgere opere classiche e riti dimenticati

Estasi nel passato con Beethoven e Mendelssohn

di Massimiliano Beghini

Nella serata di Giovedì 25, si è tenuto il concerto di apertura del ciclo “Giovani in Sinfonia”, all’interno della chiesa del Seminario Minore, progetto di formazione orchestrale promosso dall’Associazione Ensemble Zandonai. I concerti hanno avuto la partecipazione della Associazione ONLUS Asia Trento, impegnata in azioni di beneficenza in Tibet e nelle regioni limitrofe, e dall’istituto diocesano di musica sacra. Gli appuntamenti successivi saranno Giovedì 22 novembre nella chiesa di Mezzolombardo e Lunedì 17 dicembre nella chiesa Arcipretale di san Marco a Rovereto.

Il progetto è nato per avvicinare giovani talenti al mondo del professionismo musicale, con l’orchestra guidata dal Direttore Giancarlo Guarino e dal maestro per il coro Tarcisio Battisti ha interpretato la quinta Sinfonia di Beethoven e l’opera 73 “Lauda Sion” di Mendelssohn.

L’orchestra sinfonica ha arrangiato in modo impeccabile la Quinta sinfonia del compositore tedesco, con un crescendo di passione ed enfasi in tutti i quattro movimenti da un celeberrimo Allegro con Brio, in cui risaltava la passionalità di quell’epoca, fino a raggiungere l’ultimo movimento, l’Allegro in cui si denota tutta la genialità e magnificenza indiscussa di Beethoven.

L’esecuzione del secondo pezzo è stata accompagnata dal coro “in dulci jubilo” dell’Istituto Diocesano di Musica Sacra di Trento. Costituito da alunni ed ex alunni Trentini, è stato costituito per diffondere il repertorio sacro. Orientato alla riscoperta della estesa letteratura dei secoli XIX e XX, soprattutto di composizione trentina, che date le differenti esecuzioni odierne dei riti religiosi sono inadatte alle esecuzioni durante le cerimonie. Per questo motivo si è vista la necessità di impedire la caduta all’oblio di questi notevoli pezzi cantati.

L’opera suddivisa in otto movimenti è basata sugli scritti di Tommaso d’Aquino, e fa trasparire tutta la suntuosità di epoche passate. La notevole interpretazione corale e singola del soprano evidenziano l’esperienza mistica e la complessità di riti anacronistici e spettacolari, anche agli occhi di un profano, con picchi di particolarissimi in pezzi come: “In hac mensa novi Regis”, “Caro cibus, sanguis potus” e in gran finale “Sumit unus, sumunt mille”

img. source: unsplash.com

 

Altro su Sanbaradio

“La vita è nata dall’oceano. Con lo scioglimento dei ghiacci e l’aumento del livello dei mari, l’uomo prima o poi tornerà a DIVENTARE OCEANO.” (John Luther Adams)”
Opportunità per giovani talenti
Per Jazz'About è ora il turno degli Incognito, semplicemente "la band Acid Jazz di più grande successo al mondo".
Con oltre due ore di show, gli Incognito sono l'apice di una stagione di Jazz'About davvero notevole.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio