Unibz e unitn a confronto: la situazione lavorativa dei neolaureati secondo AlmaLaurea

Unibz e unitn a confronto: la situazione lavorativa dei neolaureati secondo AlmaLaurea

di Katalin Scaravaglio

AlmaLaurea, il più grande consorzio di raccolta e analisi statistica dei dati delle università italiane, recentemente ha rilasciato l'indagine aggiornata sulla condizione occupazionale dei neolaureati. Di seguito il paragone tra i dati riguardanti gli ex-studenti dell’unibz e dell’unitn.

A soltanto un anno dalla laurea, il collocamento dei dottori bolzanini nel mercato lavorativo si prospetta roseo: il 67,4% dei laureati è infatti già impiegato, il 23,3% non lavora e non cerca e unicamente il 9,3% si dichiara alla ricerca di un lavoro. A Trento la situazione è solo leggermente meno incoraggiante: il 46,1% lavora, il 38,2% non lavora e non cerca e il 15,8% non lavora ma cerca.

Per quanto riguarda l’ingresso nel mondo aziendale, la spunta invece l’ateneo di Trento. Una grossa fetta degli studenti, il 35,3%, continua la professione per la quale era già stata assunta durante il ciclo di studi, mentre la metà dei laureati trova lavoro appena dopo il conseguimento del titolo. A Bolzano la percentuale che prosegue con l’occupazione iniziata prima della laurea è del 30,8%, mentre il 45,5% inizia a lavorare subito dopo. Il tempo medio di ricerca del lavoro è per entrambe le facoltà di 9 mesi.

Risultano essere in maggioranza i neolaureati di Bolzano che sono ingaggiati con un contratto a tempo indeterminato, 37% in confronto al 26,8% di Trento, che è in conformità con la media nazionale del 27,4%.  Gli universitari in entrambi i capoluoghi che esercitano attività lavorative autonome sono sotto la media nazionale, dell’11,8%, rispettivamente del 5,7% a Bolzano e del 9% a Trento.

Concludiamo con il punto focale della questione lavoro: lo stipendio. Il guadagno mensile netto, a un anno dalla laurea, degli ex-studenti dell’unibz ammonta a 1.412 euro. Chi ha terminato la laurea magistrale, però, può anche ambire al raggiungimento di 1.908 euro, mentre a Trento si riscontra uno stipendio di 1.079 euro, ma chi ha conseguito la magistrale può anche arrivare fino a un massimo di 1.358 euro. Ricordiamo che la media nazionale per i neolaureati è di 1.041 euro mensili.

Altro su Sanbaradio

Una laurea all'Università di Trento garantisce possibilità di occupazione superiori alla media nazionale, ma dopo un anno si guadagnano meno di mille euro.
Esistono corsi di laurea che garantiscono un accesso meno difficile al mondo del lavoro? Stando ai dati di Almalaurea, la risposta è si.
Scegliere il proprio cammino universitario a Trento e Bolzano è più semplice grazie alla "Settimana di orientamento alla scelta universitaria".
Le lauree magistrali di musicologia e ingegneria energetica sfidano la concorrenza a colpi di plurilinguismo.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio