There are no days like Snowdays

There are no days like Snowdays

di Giorgia Roda

Dall’ultima tappa, Canazei, Francesca Rover, membro del team PR e Social Media di Snowdays, racconta della quattordicesima edizione di Snowdays.

Com’è andata quest’edizione?

Grandiosa! Numero record di partecipanti e tanto tanto divertimento. Sono abbastanza sicura di parlare a nome di tutto lo staff dicendo che è un orgoglio vedere il risultato di questi Snowdays e il lavoro di mesi e mesi realizzato.

Vedo che sei completamente piena di colori. Cos’è successo?

Abbiamo appena finito la Holy Pillow Fight: una battaglia di cuscini ma con cuscini speciali, pieni di colori. Quindi c’è un po’ polvere colorata addosso a tutti e il campo base è tutto pieno di colori.

L’internazionalità di questa edizione? I partecipanti si sono ben integrati nonostante le diverse provenienze?

Direi sicuramente di sì perché, oltre all’occasione di incontro che c’è alle feste, anche tutte le attività cercano sempre di unire i partecipanti da diverse scuole, soprattutto nelle attività di tipo “spirit”, ovvero le attività per motivare e caricare i partecipanti durante l’evento, c’è molta interazione. Le attività sono coinvolgenti e abbiamo voluto proprio in alcune chiedere ai partecipanti di interagire con persone a caso del gruppo.

Ogni università doveva anche inviare il proprio video di presentazione, no?

Esatto. Abbiamo chiesto a ogni università partecipante di mandare uno spirit video nel quale ogni università mostrasse il suo spirito e la sua voglia di partecipare agli Snowdays. Lo spirito è comunque sempre molto alto durante gli Snowdays e tutte le università sono molto cariche. Poi ovviamente in questi giorni è stato dato un punteggio e stasera vedremo chi sarà il vincitore della Spirit Cup.

Puoi embeddare il player utilizzando il codice qui sotto: 

Altro su Sanbaradio

“Tante Start Up credono in questo evento” anche grazie a loro si apre la 14^ edizione con come prima tappa Kronplatz.
Unibz si prepara ad accogliere studenti da tutta Europa per l’evento più atteso al piccolo ateneo.
Il main coordinator racconta l’organizzazione da parte degli studenti di unibz
Alcuni scatti dal più grande evento europeo di sport invernale, organizzato dagli studenti di unibz.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio