Orgoglio oltre i confini

Dolomiti Pride

Orgoglio oltre i confini

di Lorenzo Zaccaria

Il 9 giugno di quest’anno ci sarà il primo Pride in Trentino Alto-Adige e sarà dedicato all’orgoglio dell’alterità, contro il senso di vergogna e marginalità. Per questo sarà un Pride transfrontaliero e coinvolgerà l’intera regione dell’Euregio, Trento, Bolzano e Innsbruck.

A un anno dal ddl Cirinnà l’organizzazione ha voluto rappresentare una parata non solo per il riconoscimento dei propri diritti ma anche per l’educazione al rispetto e all’accettazione perché, come ha sottolineato Paolo Zannella, responsabile dell’Arcigay del Trentino, il Pride non è una manifestazione esclusivamente della comunità LGBT* ma dell’intera cittadinanza assieme alla comunità LGBT*. Per questo il Dolomiti Pride vuole essere una manifestazione inclusiva, aperta a tutte le minoranze emarginate che riceveranno un momento di espressione durante la parata e durante tutti gli eventi culturali che si terranno nei due mesi precedenti tra Trento e Bolzano. Il Pride è infatti un momento di visibilità collettiva per comunicare sé stessi alla cittadinanza, senza austere repressioni sociali. Per questo il tema è quello della libertà, oltre a quello dell’uguaglianza e dei diritti (come spiega il manifesto politico dell’evento disponisibile sul sito a questo link).

La manifestazione fa parte dell’Onda Pride, per cui annualmente in Italia non si tiene un’unica manifestazione nazionale ma tante piccole organizzazioni regionali, per non lasciare scoperti i piccoli centri urbani. Quest’anno sono previste circa 30 manifestazioni, tra cui il Dolomiti Pride appunto. Ma questa manifestazione è particolarmente importante perché il Trentino Alto-Adige fino a oggi mai ha ospitato un evento simile.

Il Dolomiti Pride è promosso dall'Arcigay del Trentino, Centaurus - Arcigay Bolzano, Rete ELGBBTQi* del Trentino - Alto Adige/Südtirol, AgeDO Trentino e Famiglie Arcobaleno ed è aperto alla partecipazione di tutti gli artisti, le attività e le associazioni del territorio interessati che in questo periodo si stanno mettendo in contatto con gli organizzatori per partecipare alla progettazione dell'evento (per chi fosse interessato il link è lo stesso sopracitato).

Altro su Sanbaradio

Giornata Mondiale del Rifugiato 2014: 19 e 20 giugno, due appuntamenti in due giornate
Oggi e domani raccolta firme in centro per permettere di votare dall'estero
Giacomo Postinghel racconta in un'intervista la sua esperienza di volontariato in un campo profughi siriano a Tel Aabbas, in Libano.

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio