Clamorosa scoperta al CiBio

Trovato il modo per circoscrivere e tagliare con precisione il DNA malato

Clamorosa scoperta al CiBio

di Lorenzo Zaccaria

Il CiBio (Centre for Integrative Biology) dell’Università di Trento ha pubblicato su Nature Biotechnology un articolo pronto a rivoluzionare la ricerca biomedica: la scoperta dei ricercatori trentini parte dal miglioramento del genome editing, una tecnica di ingegneria biomedica volta a riscrivere il DNA.

Fino a oggi il genome editing non presentava un grado di accuratezza sufficiente per essere applicato in ambito medico: non si riusciva a ciscoscrivere il processo di estrazione e riscrittura degli enzimi ai soli malati, per curare malattie tumorali e genetiche. Un problema risolto proprio in questi giorni dal CiBio.

Il vecchio processo veniva svolto dalla nanomacchina CRISPR/Cas9, formata dalla proteina Cas9 e un enzima di RNA, che riusciva a raggiungere e tagliare uno specifico segmento di DNA. Tuttavia oltre al segmento d'interesse agiva anche su altri siti. Ora invece si può ottenere una precisione pressoché assoluta, permettendo l’utilizzo clinico, grazie a EvoCas9, l’evoluzione indotta della proteina Cas9 di base. 

La ricerca è stata svolta integralmente al CiBio di Trento e ha coinvolto tre unità di ricerca: il Laboratory of Molecular Virology con Antonio Casini (primo firmatario), Michele Olivieri, Gianluca Petris, Claudia Montagna, Giordano Reginato, Giulia Maule e Anna Cereseto (senior author e responsabile), il Laboratory of Comutational Oncology con Francesca Lorenzin, Davide Prandi, Alessandro Romanel e Francesca Demichelis (responsabile); e infine il Laboratory of Transcriptional Networks con Alberto Inga (responsabile).

Altro su Sanbaradio

Abbiamo intervistato Antonio Casini, primo firmatario della ricerca sulla proteina EvoCas9 del CiBio di Trento.
Il programma della Notte dei Ricercatori 2017

Radio universitarie

Login utente

Powered by

coopmercurio